HomeArticoli7COLLI“INGINOCCHIATI, TI SPARO”: DOPO IL VIDEO CHOC SI DIMETTE RUBERTI, BRACCIO DESTRO...

“INGINOCCHIATI, TI SPARO”: DOPO IL VIDEO CHOC SI DIMETTE RUBERTI, BRACCIO DESTRO DI GUALTIERI E ZINGARETTI

-

Il capo di gabinetto Albino Ruberti si è dimesso dall’incarico con una lettera inviata al sindaco di Roma Roberto Gualtieri. Lo ha fatto dopo la pubblicazione in Rete

“Benvenuti nell’oasi felice del Pd di Roma e Lazio: Ruberti che minaccia di sparare e ammazzare. Adesso è capo di gabinetto di Gualtieri, prima lo era di Zingaretti. L’incarnazione dei motivi per cui non abbiamo mai voluto avere a che fare con loro a Roma. Dimissioni subito!”. Così su Twitter il consigliere capitolino del M5S e vicepresidente dell’Assemblea capitolina Paolo Ferrara.

 

 

L’episodio rivelato in un video pubblicato da ‘Il Foglio’ che ha visto protagonista Albino Gualtieri, capo di gabinetto del sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, è “gravissimo” e “non può restare senza conseguenze”. É quanto avevano sottolineano a caldo fonti del Nazareno.

Secondo quanto si evince dalle immagini, Ruberti, dopo una cena a Frosinone, si sfoga in maniera assai accesa facendo riferimento a richieste che gli avrebbe rivolto un non meglio precisato interlocutore. “Deve venire qui -dice tra l’altro- a chiedermi in ginocchio pietà, adesso. Se deve inginocchià e chiede scusa. Si deve inginocchiare, se no io adesso lo dico a tutti quello che ha detto. Si deve inginocchiare. Li ammazzo! Lo ammazzo! Li ammazzo!. Non se deve permette de di’ ‘io te compro’. A me me compri? Cinque minuti je do, cinque. Vi sparo! T’ammazzo! Cinque minuti, qui, in ginocchio, tutti e due!”.

Già capo di gabinetto di Nicola Zingaretti, Albino Ruberti, non è nuovo a episodi burrascosi e controversi. In piena pandemia, il primo maggio 2020, l’uomo di fiducia dei big dem era stato multato per essersi recato a casa di amici il primo maggio per una gustosa grigliata. Ciò non gli aveva impedito di diventare capo di gabinetto anche del neo sindaco Roberto Gualtieri.

Anche i figli di Ruberti (19 e 17 anni) erano stati protagonisti a febbraio di una vicenda imbarazzante finita sulle cronache romane.  Quando i carabinieri hanno chiesto i documenti per identificarli, i due avrebbero reagito in malo modo, spiegando che, visto il ruolo ricoperto dal padre in Campidoglio e prima ancora in regione, i Carabinieri avrebbero dovuto fermare altri e non loro o li avrebbero fatti trasferire. Un atteggiamento che certo non ha impensierito gli uomini dell’Arma, i quali, andati avanti con l’identificazione, hanno anche scoperto come un episodio analogo, con simili recriminazioni, fosse capitato poco più di 15 giorni fa.

LATEST POSTS

VERSO IL VOTO DI DOMANI 25 SETTEMBRE

La promessa che devono mantenere Berlusconi, Meloni e Salvini A Berlusconi, Meloni e Salvini (che voterò soprattutto per un forte rapporto di amicizia personale) rivolgo una preghiera. Seria,...

ENERGIA, GUADAGNI STRATOSFERICI PER LE IMPRESE PRODUTTRICI E VENDITRICI DI PRODOTTI ENERGETICI

L’aumento dei prezzi di gas, petrolio ed energia elettrica ha spinto il fatturato delle imprese produttrici e venditrici di prodotti energetici. Che è cresciuto di...

EMILIANO CHE VUOLE FARE SPUTARE IL SANGUE AGLI AVVERSARI È DIVENTATO IL MIGLIOR SPOT PER IL CENTRODESTRA

Peccato che i sondaggi elettorali non possano essere più diffusi: Michele Emiliano che vuole fare “sputare sangue” al centrodestra, “comunque vadano le elezioni”, è il miglior spot...

DAL 13 SETTEMBRE A ROMA SETTIMANA DEDICATA ALL’ORO DEL LAZIO: L’OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA

Sei giorni di eventi a Roma dedicati all’olio di oliva, dal workshop internazionale dedicato al consumo allo Yale International Simposium. Ci saranno le più autorevoli...

Follow us

FansLike
FollowersFollow
FollowersFollow

Most Popular

spot_img