giovedì, Dicembre 1, 2022
More
    HomeArticoliARTICOLI MY PTA CHE ORA ALLENARSI E PERCHÉ

    A CHE ORA ALLENARSI E PERCHÉ

    -

    Le prestazioni di uno sportivo dipendono da numerosi fattori. Alcuni di questi si riferiscono alla persona, come la condizione fisica, lo stato psicologico e la motivazione, ma non sono certo gli unici.L’ambiente, il clima, i mezzi a disposizione ecc., possono fare sicuramente la differenza.

    È per questo che ogni sportivo, prima o poi, deve rispondere ad una domanda fondamentale: qual è l’orario migliore per allenarsi?

    Andamento ormonale nella giornata

    L’attività motoria – di resistenza, di forza o di velocità che sia – è strettamente legata al funzionamento dell’intero organismo.

    Sappiamo che qualsiasi meccanismo fisiologico è finemente regolato da ormoni e neurotrasmettitori, che vengono liberati e soppressi in base a stimoli di varia natura.

    Alcune secrezioni, per giunta, seguono il cosiddetto “orologio biologico”. Significa che aumentano o diminuiscono in maniera variabile a seconda dell’orario.

    • Il GH è al massimo nel centro della nottata – o meglio, del sonno – e crolla alla mattina – o meglio, al risveglio;
    • Il testosterone è al massimo al mattino presto – o meglio, poco prima della sveglia – e crolla alla sera – o meglio, verso il termine della giornata;
    • Il TSH segue più o meno l’andamento del testosterone.

    In base a questa teoria, sarebbe quindi possibile sfruttare o evitare i momenti di maggior concentrazione degli stessi, con ipotetico vantaggio in termini di performance.

    Quello che molti non sanno tuttavia è che, al di là della predisposizione individuale, l’orologio biologico è dotato di un’elevatissima capacità adattativa. Se così non fosse, i lavoratori turnisti non sarebbero in grado nemmeno di sopravvivere – anche se è innegabile che i turni siano “cattivi compagni di letto” della prestazione atletica.

    Come sempre è l’organismo ad adattarsi all’ambiente, non il contrario; cercare il momento di “picco” di testosterone o di “crollo” del cortisolo non ha quindi un gran senso pratico. Meglio invece cercare di intervenire sulle variabili realmente impattanti, delle quali parleremo meglio sotto.

    Nota: detto questo, ricordiamo che ogni soggetto è a sé, così come personalissima è l’attitudine specifica.

    LEGGI ARTICOLO COMPLETO

    LATEST POSTS

    REFLUSSO GASTROESOFAGEO

    Generalità Il reflusso gastroesofageo è un disturbo caratterizzato dalla risalita nell'esofago del contenuto acido dello stomaco. Bruciore di stomaco, acidità e rigurgito: sono i sintomi tipici del reflusso gastroesofageo. Il reflusso gastroesofageo...

    CIBO CONGELATO: SI PUÒ MANGIARE ANCHE SCADUTO?

    Introduzione Quando si conserva un prodotto alimentare nel congelatore di casa, capita di non consumarlo per tempo e di farlo scadere all'interno del freezer stesso. Se è stato...