mercoledì, Dicembre 7, 2022
More
    HomeArticoliARTICOLI MY PTCUOIO CAPELLUTO: SCOTTATURE, RIMEDI E COME ESPORSI AL SOLE

    CUOIO CAPELLUTO: SCOTTATURE, RIMEDI E COME ESPORSI AL SOLE

    -

    Esporsi al sole non è solo insidioso per la pelle ma anche per il cuoio capelluto. E’ sempre bene evitare di andare in spiaggia o camminare al sole senza protezione e cappello o bandana a coprire il cranio. I soggetti più a rischio di scottature al cuoio capelluto sono quelli che presentano capelli sottili, cute delicata, calvizie. I sintomi, decisamente fastidiosi, vanno dal bruciore e arrossamenti al dolore e alla più grave perdita dei capelli dovuta alla caduta del bulbo pilifero.

    Il capo, infatti, in tutto il corpo rappresenta la zona più esposta ai raggi UV, e viene colpita perpendicolarmente. La pelle qui è particolarmente sensibile e necessita di applicazione di crema (anche se non propriamente intuitivo) e di copertura. La causa principale delle scottature solari del cuoio capelluto è in linea generale l’esposizione al sole senza adeguata protezione. Tra i rimedi maggiormente risolutivi e semplici, in caso di sintomi comuni derivanti da scottatura della cute, ci sono gli impacchi di acqua fredda, le creme idratanti e i farmaci antinfiammatori non steroidei alleviano il dolore fino alla guarigione dell’ustione.

    Scottatura Cuoio Capelluto: sintomi

    I sintomi più comuni che si manifestano in caso di scottature del cuoio capelluto sono:

    • Bruciore
    • Arrossamento
    • Prurito e dolore;
    • Difficoltà nell’appoggiare la testa o toccare il cranio
    • Irritazione
    • Impossibilità di pettinarsi
    • Bruciore a contatto con shampoo o lozioni
    • Sensazione di calore
    • Comparsa di vescicole;
    • Mal di testa;
    • Febbre e nausea
    • Perdita di capelli: non è frequente, ma nei casi più seri di ustione può insorgere alopecia
    • Infezione con pustole
    • Lichen Plano Pilare
    • Alopecia temporanea o permanente

    I sintomi possono manifestarsi già un’ora l’esposizione ai filtri solari e, generalmente durare per un massimo di tre giorni. Raggiunto il picco massimo della scottatura, comparirà frequentemente il prurito, accompagnato nei giorni successivi da evidente esfoliazione della zona ustionata. Queste zone colpite da scottatura risulteranno particolarmente sensibili alle ustioni solari per le settimane successive. In caso di comparsa di brividi, calo della pressione sanguigna e vomito, si può essere in presenza di uno shock dovuto a colpo di calore. In questo caso è fondamentale contattare un medico con una certa celerità.

    LEGGI ARTICOLO COMPLETO

    LATEST POSTS

    ERNIA IATALE: DIAGNOSI E CURA

    Diagnosi Un'ernia iatale può essere facilmente diagnosticata con una radiografia del tratto digerente superiore o con l'endoscopia. La radiografia si avvale di un mezzo di contrasto a base di bario che...

    SISTEMA NERVOSO: COS’È? FUNZIONI, COMPONENTI PRINCIPALI E TIPI

    Che cos'è il sistema nervoso e a cosa serve In biologia, col termine sistema nervoso (SN) si intente una parte altamente complessa degli animali che coordina...

    REFLUSSO GASTROESOFAGEO

    Generalità Il reflusso gastroesofageo è un disturbo caratterizzato dalla risalita nell'esofago del contenuto acido dello stomaco. Bruciore di stomaco, acidità e rigurgito: sono i sintomi tipici del reflusso gastroesofageo. Il reflusso gastroesofageo...

    CIBO CONGELATO: SI PUÒ MANGIARE ANCHE SCADUTO?

    Introduzione Quando si conserva un prodotto alimentare nel congelatore di casa, capita di non consumarlo per tempo e di farlo scadere all'interno del freezer stesso. Se è stato...

    Follow us

    FansLike
    FollowersFollow
    FollowersFollow

    Most Popular

    spot_img