lunedì, Novembre 28, 2022
More
    HomeSclero AzzurroSI GONFIA LA RETENESSUNO OSI FERMARE IL NAPOLI: ALTRA VITTORIA (CON BRIVIDO), ORA LA PAUSA...

    NESSUNO OSI FERMARE IL NAPOLI: ALTRA VITTORIA (CON BRIVIDO), ORA LA PAUSA MONDIALE LE PAGELLE

    -

    Certo, nel finale qualche brivido lungo la schiena degli oltre cinquantamila presenti a Fuorigrotta ci sarà stato. Ma tant’è. A quanto pare (e a giochi fatti), l’unico vero problema del Napoli è il Mondiale alle porte che interromperà la corsa. La prima partita alla ripresa delle ostilità sarà Inter-Napoli e ci arriveranno squadre reduci da un lungo stop e con tanti protagonisti di rientro da una manifestazione che potrà averli caricati, scaricati, appagati o depressi.

    Nessuno Osi fermare il Napoli: altra vittoria (con brivido), ora la pausa Mondiale LE PAGELLE

    Questo gruppo è davvero commovente: raggiunge le undici vittorie consecutive in A, al Maradona batte pure l’Udinese, con brivido finale. Il punteggio di 3-2 consente agli uomini di Spalletti di mantenere un vantaggio di almeno 8 punti (Lazio e Milan scendono in campo domani) prima della lunga sosta per il Mondiale. Tanta roba. Al Napoli basta un primo tempo autoritario per indirizzare il match con le reti di un incontenibile Osimhen (15′) e di un sempre più convinto Zielinski (31′). Nella ripresa ci pensa il macedone Elmas (guai a chiamarlo “gregario”) ad arrotondare il punteggio all’alba dell’ora di gioco. Alla squadra partenopea bastano tre accelerazioni per segnare tre gol. Il resto è stata gestione, controllo, quasi melina. Quando sembra tutto tranquillo arrivano come fulmini a ciel sereno le reti bianconere di Nestorovski (79′) e Samardzic (82′), ma per i friulani è troppo tardi. La confusione finale del Napoli è da attribuire allo stesso Napoli, nonostante una buonissima Udinese. 41 punti su 45 a disposizione. La sosta interrompe un cammino impressionate del Napoli di Spalletti. Ora la pausa, bisogna respirare un attimino e rimettersi in forze. Per regalare un sogno. Se ne riparla il 4 gennaio: a Milano c’è Inter-Napoli.

    TOP

    ELMAS 7.5: riserva a chi? Si piazza sulla sinistra, si diverte e la corsia viaggia al ritmo che decide di impostare come meglio crede. Il gol è bellissimo, la prestazione altrettanto. In assenza di Kvara si è fatto apprezzare davvero, merita considerazione (e complimenti).

    OSIMHEN 7.5: leader totale. La via per la porta è trafficata ma non si abbatte, si mette a lavorare per la squadra e porta a casa il “solito” gol di testa. Poi sbuffa, si arrabbia, trascina i suoi e tiene alta la concentrazione di tutti, fino al 94′.

    ZIELINSKI 7.5: vivace e pericoloso, la sua presenza aumenta la forza percussiva della squadra. Lui danza sul pallone come sulla luna, regala magie al Maradona e un gol di forza e tecnica. Ritrovato.

    FLOP

    BETO 5: ci vogliono dei sospiri lunghi così di fronte a una serata tanto negativa: sembra un razzo, parte fortissimo e non si vede più…

    BIJOL 5: il confronto con Osimhen lo sfavorisce, ma non convince. In confusione, rischia sempre.

    PEREZ 5 deve far attenzione a chi gli è più rapido, sta troppo rintanato e non fa mai l’ala: è indietro.

    KIM 5: la troppa convinzione ha regalato invece autostima all’Udinese: presume di sottrarre il pallone agli avanti bianconeri, laddove sarebbe meglio allontanarlo. Samardzic ne approfitta, il sudcoreano sa anche sbagliare. Poco male.

    NAPOLI (4-3-3): Meret 6.5; Di Lorenzo 6.5, Kim Min-jae 5, Juan Jesus 6 (15′ st Ostigard 6), Olivera 6 (1′ st Mario Rui 6.5); Anguissa 7, Lobotka 6.5, Zielinski 7.5 (22′ st Ndombélé 6.5); Lozano 6.5 (15′ st Politano 6.5), Osimhen 7.5, Elmas 7.5. Allenatore: Spalletti 6.5.

    UDINESE (3-5-2): Silvestri 6.5; Perez 5, Bijol 5, Ebosse 5.5; Ehizibue 6, Arslan 5.5 (11′ st Samardzic 6.5), Walace 6 (26′ st Jajalo 6), Lovric 6, Pereyra 6; Beto 5 (26′ st Nestorovski 6.5), Deulofeu 6 (26′ pt Success 6.5). Allenatore: Sottil 6.5.

    LATEST POSTS