mercoledì, Febbraio 21, 2024
TESTATA GIORNALISTICA ONLINE. AUT. 18 DEL 19/07/2023 DEL TRIBUNALE DI NAPOLI. TUTTI I DIRITTI RISERVATI ©
/ month
placeholder text
spot_imgspot_img

Top 5 This Week

spot_img

Related Posts

Un’Opzione Terapeutica Avanzata per la SMRR

La sclerosi multipla (SM) rappresenta una sfida costante nel campo della neurologia, e la ricerca è in continuo movimento per offrire soluzioni efficaci e sicure ai pazienti affetti da questa malattia debilitante. Un baluardo in questo sforzo è rappresentato dalla cladribina, un principio attivo che ha dimostrato di apportare notevoli benefici nella gestione dei casi di SM recidivante con alta attività di malattia.

Somministrazione e Dosaggio Il trattamento con cladribina è reso particolarmente conveniente grazie alla sua modalità di somministrazione orale. I pazienti adulti possono facilmente integrare questa terapia nella loro routine quotidiana, seguendo uno schema di dosaggio preciso che verrà fornito dal loro medico specialista.

Indicazioni Terapeutiche La cladribina si rivolge in modo specifico a quei pazienti adulti che combattono contro una forma recidivante di SM, caratterizzata da frequenti riacutizzazioni e da segni evidenti di attività di malattia sia sul piano clinico che nei risultati di diagnostica per immagini.

Profilo di Sicurezza ed Effetti Collaterali Nonostante i suoi benefici, il trattamento con cladribina non è esente da rischi. Gli effetti collaterali comuni includono linfopenia, ovvero una riduzione significativa dei linfociti, cellule cruciali del sistema immunitario, e infezioni come quelle da virus herpes zoster. Altri effetti possono comprendere eruzioni cutanee, alopecia (perdita di capelli), e diminuzione della conta dei neutrofili.

Monitoraggio e Precauzioni È fondamentale un attento monitoraggio del paziente per mitigare i rischi associati alla cladribina. Prima e durante il trattamento, si raccomanda la realizzazione di un conteggio linfocitario e la ripetizione di tale esame a intervalli regolari. Inoltre, è necessario uno screening per infezioni latenti prima dell’inizio della terapia, e una risonanza magnetica encefalica per avere un quadro completo della situazione neurologica del paziente.

Conservazione del Medicinale Per mantenere l’integrità del farmaco, la cladribina deve essere conservata nella sua confezione originale, al riparo dall’umidità.

La cladribina offre quindi una promettente opzione terapeutica per i pazienti con SM recidivante. Tuttavia, la sua somministrazione richiede una rigorosa adesione alle indicazioni mediche e un monitoraggio costante, al fine di massimizzare i benefici e minimizzare i potenziali rischi.


La cladribina è un trattamento orale innovativo per adulti con sclerosi multipla recidivante. È prescritta per quei casi dove la malattia mostra un’alta attività, evidente attraverso sintomi e segni radiologici. Gli effetti collaterali più comuni sono la linfopenia e le infezioni, ma anche eruzioni cutanee e caduta di capelli possono presentarsi. La sicurezza di questo farmaco è elevata, ma si deve prestare attenzione a potenziali infezioni opportunistiche e riattivazione di infezioni latenti. Non sono stati osservati casi di PML, ma c’è la possibilità che possano verificarsi. La precauzione è una pietra miliare del trattamento con cladribina: conteggi linfocitari regolari e screening per infezioni inattive sono necessari, così come una RM encefalica prima di iniziare la terapia. Conservare il farmaco nella sua confezione originale è essenziale per mantenerne l’efficacia.

 

Popular Articles

Vai alla barra degli strumenti