lunedì, Aprile 15, 2024
TESTATA GIORNALISTICA ONLINE. AUT. 18 DEL 19/07/2023 DEL TRIBUNALE DI NAPOLI. TUTTI I DIRITTI RISERVATI ©
/ month
placeholder text

#fottilasclerosi

Top 5 This Week

spot_img

Related Posts

‘I CHE NAPL!!

In una serata che avrebbe fatto brillare gli occhi di mio padre, il Napoli ha trionfato sulla Juventus con un emozionante 2-1. “I’ che Napl”, avrebbe esclamato lui, e quanto avrebbe amato vedere Kvara in azione. La partita è stata un mix di emozioni, cuore e sofferenza, con il Napoli che si è imposto grazie a una strategia brillante e a momenti di pura magia calcistica.

Il primo tempo ha visto un Napoli vivace, capace di creare e sprecare occasioni, fino al gol di Kvara, che ha trasformato un cross di Di Lorenzo in oro. La Juventus ha cercato di reagire, e nel secondo tempo è riuscita a pareggiare con Chiesa, ma il Napoli non si è dato per vinto. Osimhen, limitato ma mai domo, ha guadagnato un rigore che, seppur parato, ha aperto la strada al gol vittoria di Raspadori, frutto di una rincorsa strategica e ben orchestrata.

Il Napoli ha confermato la sua superiorità sulla Juventus per il quinto anno consecutivo, grazie a una vittoria che tiene viva la speranza Champions. Questo successo non è solo frutto della qualità individuale, ma anche di un’astuzia collettiva, evidente nella sequenza del rigore che ha portato al gol decisivo di Raspadori. Partendo da posizioni arretrate, i calciatori azzurri hanno sfruttato al meglio la regola, sorprendendo gli avversari e dimostrando che la vittoria nasce tanto dalla forza quanto dall’intelligenza.

Kvaratskhelia e Raspadori, con le loro performance, hanno inviato un messaggio chiaro: il Napoli punta a restare ai vertici del calcio europeo, sostenuto dai suoi talenti e da una strategia che lo rende temibile. “Abbiamo approcciato la partita nel modo giusto,” ha commentato Raspadori, evidenziando il lavoro e la concentrazione del gruppo sotto la guida di mister Calzona.

In conclusione, questa vittoria del Napoli contro la Juventus è un tributo all’ingegno, alla passione e alla determinazione. Una serata che avrebbe reso fiero qualsiasi tifoso, e che resta nella memoria come esempio di come lo sport possa unire cuore e mente in un unico, indimenticabile momento di gloria.

Luciano Auriemma

 

Popular Articles

Vai alla barra degli strumenti