lunedì, Aprile 15, 2024
TESTATA GIORNALISTICA ONLINE. AUT. 18 DEL 19/07/2023 DEL TRIBUNALE DI NAPOLI. TUTTI I DIRITTI RISERVATI ©
/ month
placeholder text

#fottilasclerosi

Top 5 This Week

spot_img

Related Posts

Un Viaggio attraverso i Capolavori Cinematografici di una Leggenda

Paul Newman non è stato solo uno degli attori più carismatici e talentuosi che Hollywood abbia mai conosciuto; è stato anche un regista, un imprenditore, un filantropo e un pilota automobilistico di successo. Ma è davanti alla cinepresa che ha lasciato il segno indelebile nel cuore dei cinefili, grazie a una serie di interpretazioni che hanno attraversato generi e epoche. Ecco una rassegna dei suoi film più acclamati.

“La gatta sul tetto che scotta” (1958)

Newman esplode nella scena di Hollywood con il suo ruolo di Brick Pollitt in questa adattazione del dramma di Tennessee Williams. La sua intensa interpretazione di un uomo tormentato, intrappolato in un matrimonio infelice con Maggie (Elizabeth Taylor), ha stabilito il suo status di sex symbol e di attore dotato di una notevole profondità emotiva.

“Lo spaccone” (1961)

In questo classico del cinema, Newman interpreta il ruolo di “Fast” Eddie Felson, un giovane e arrogante giocatore di biliardo. La sua brillante performance ha ottenuto una nomination agli Oscar e il film è diventato un cult per gli appassionati del genere.

“Hud” (1963)

Newman brilla nel ruolo di Hud Bannon, un affascinante antieroe che si scontra con i valori morali del suo anziano padre. La sua interpretazione gli vale il premio per il miglior attore al Festival di Cannes.

“La stangata” (1973)

Accanto a Robert Redford, Newman porta sullo schermo uno dei film più apprezzati della storia del cinema, vincitore di 7 Oscar. La sua interpretazione di Henry Gondorff, un imbroglione di alto livello, è un perfetto esempio di charme e astuzia.

“Quel pomeriggio di un giorno da cani” (1975)

Nonostante non sia la star principale del film, la regia di Newman in questa pellicola è stata lodata per la capacità di creare tensione e coinvolgimento emotivo in una storia basata su fatti realmente accaduti.

“Il colore dei soldi” (1986)

Newman ritorna nel ruolo di “Fast” Eddie Felson, riscuotendo un successo ancora maggiore. La sua performance in questo sequel de “Lo spaccone” gli vale l’Oscar come miglior attore, una statuetta tanto attesa e meritata.

“L’ultima tentazione di Cristo” (1988)

Anche se la sua partecipazione non è nel ruolo di attore, la produzione di questo film controverso da parte di Newman mostra la sua volontà di sostenere progetti cinematografici audaci e significativi.

“La fortuna di Cookie” (1999)

Questo film, diretto da Robert Altman, mostra un Newman maturo ma ancora pieno di quell’intensità che ha caratterizzato tutta la sua carriera, in una performance che tocca il cuore e provoca riflessioni.

Paul Newman rimarrà sempre nel pantheon delle leggende cinematografiche, non solo per il suo blu penetrante degli occhi o per il suo indimenticabile sorriso, ma per l’impronta duratura che ha lasciato nel mondo del cinema con queste e molte altre interpretazioni memorabili. La sua eredità continua a influenzare attori e cineasti, dimostrando che il talento, unito a passione e impegno, può realmente trascendere il tempo.

Sebbene la visione di queste opere possa ispirare e commuovere, è importante ricordare che la vita delle icone che ammiriamo sullo schermo può differire notevolmente dalla realtà, e l’importanza di distinguere tra finzione e vita reale è fondamentale.

Popular Articles

Vai alla barra degli strumenti