mercoledì, Febbraio 28, 2024
TESTATA GIORNALISTICA ONLINE. AUT. 18 DEL 19/07/2023 DEL TRIBUNALE DI NAPOLI. TUTTI I DIRITTI RISERVATI ©
/ month
placeholder text
spot_imgspot_img

Top 5 This Week

spot_img

Related Posts

Echi del Passato: L’Immutabile Messaggio di “A Livella”

Prima di immergersi nelle profondità del celebre componimento di Totò, è essenziale riflettere sul ricordo di una figura fondamentale nella mia vita: mio Padre. Grande amante delle arti, per me era un vero artista, autore di poesie in lingua napoletana. La sua passione per la poesia si mescolava alla profonda ammirazione per gli scritti di Totò, così come “Vincenzo De Pretore” e altri classici napoletani. Nei momenti familiari, il suono della sua voce mentre declamava queste poesie infondeva un amore eterno per la cultura e l’arte napoletana. Ogni parola, ogni verso, evocava una Napoli ricca di storia, tradizione e sentimenti. Mio padre era, e rimane, la mia connessione vivente con questo patrimonio inestimabile.


Napoli e il 2 novembre: due elementi profondamente intrecciati attraverso la celebre poesia di Antonio De Curtis, noto come Totò, intitolata “A Livella”. Questo componimento rappresenta un pilastro nel panorama della letteratura napoletana, seconda solo al testo della canzone “Malafemmena”, anch’essa opera del principe della risata.

Il rapporto dei napoletani con la morte trova nella “La Livella” un’espressione profonda e sincera. La poesia narra di una scena ambientata in un cimitero, dove una persona vivente rimane intrappolata e diventa testimone di una discussione tra due defunti: il “nobilissimo” marchese e Gennaro, un semplice netturbino. Il messaggio centrale del componimento è che, di fronte alla morte, tutte le distinzioni sociali si appiattiscono, diventando irrilevanti. Con la morte, siamo tutti alla stessa “livella”, indipendentemente dalla nostra posizione nella società.

Basti pensare alla popolarità di questa poesia, che ha dato il nome alla raccolta di poesie di Totò più conosciuta, tanto da fiorire un mercato di versioni ‘taroccate’ del libricino del Principe De Curtis. È una testimonianza della profondità con cui “A Livella” ha toccato il cuore dei napoletani e di molti altri.

La poesia trasuda una morale malinconica, ma Totò, con la sua ineguagliabile voce, mimica e ironia, la rende vivida e godibile. La sua maestria nell’alternare l’italiano al dialetto napoletano aggiunge ulteriore fascino all’opera.

Mentre riflettiamo sulla trascendenza e l’umanità che uniscono ogni individuo, celebriamo non solo l’arte e il messaggio di Totò, ma anche il ricordo di figure come mio Padre, che attraverso la cultura hanno reso vivi questi messaggi nel tessuto della mia vita.

A livella

Antonio de Curtis

“Ogn’anno, il due novembre, c’é l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn’anno, puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

St’anno m’é capitato ‘n’ avventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! Si ce penzo,e che paura!,
ma po’ facette un’anema e curaggio.

‘O fatto è chisto, statemi a sentire:
s’avvicinava ll’ora d’à chiusura:
io,tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

“Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l’11 maggio del’31”.

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto
sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe’ segno, sulamente ‘na crucella.

E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
“Esposito Gennaro – netturbino”:
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava
ca pur all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
muorto ‘e paura annanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato, dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era ‘o Marchese:
c’o’ tubbo,’a caramella e c’o’ pastrano;
chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro
‘o muorto puveriello ‘o scupatore.
‘Int ‘a stu fatto je nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se ritirano a chest’ora?

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e tomo tomo, calmo calmo,
dicette a don Gennaro: “Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va sì rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava sì inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d’uopo, quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente”

“Signor Marchese, nun è colpa mia,
i’nun v’avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
i’ che putevo fa’ si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
e proprio mo,obbj’…’nd’a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.

“E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!”

“Famme vedé! Piglia sta violenza!
‘A verità marché, mme so’ scucciato
‘e te senti; e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!

Ma chi te cride d’essere, nu ddio?
Ccà dinto, ‘o vvuo capi, ca simmo eguale?
Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;
ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale”.

“Lurido porco! Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?”.

“Tu qua’ Natale, Pasca e Ppifania!!!
T”o vvuo’ mettere ‘ncapo ‘int’a cervella
che staje malato ancora e’ fantasia?
‘A morte ‘o ssaje ched”e? È una livella.

‘Nu rre,’nu maggistrato,’nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’o punto
c’ha perzo tutto,’a vita e pure ‘o nomme:
tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti, nun fa”o restivo,
suppuorteme vicino, che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie. Appartenimmo à morte!”

Popular Articles

Vai alla barra degli strumenti