sabato, Giugno 22, 2024

Top 5 This Week

spot_img

Related Posts

Ovosodo, un tuffo negli anni ’90

Ovosodo, opera prima di Paolo Virzì del 1997, si distingue per la sua capacità di raccontare con realismo e poesia le vite di un gruppo di giovani nella Livorno di degli anni ’90. Il film, con la sua delicatezza e profondità, offre uno spaccato autentico e sentito della gioventù di quegli anni.

Protagonista della storia è Piero, soprannominato “Ovosodo” perchè nato nel quartiere omonimo. Interpretato da un Edoardo Gabbriellini , Piero vive in una zona popolare, circondato da amici con cui trascorre le giornate tra bar, biliardo e sogni di un futuro migliore. La sua esistenza scorre tranquilla, priva di grandi ambizioni, fino all’incontro con due figure fondamentali: la professoressa Giovanna (Nicoletta Braschi) e l’amico Tommaso (Marco Cocci).

Giovanna incarna per Piero un ideale di cultura e raffinatezza, un mondo lontano dalla sua realtà quotidiana. La professoressa diventa un faro di speranza e di scoperta, un modello di un’altra vita possibile. Tommaso, invece, è l’amico esuberante e pieno di vita, sempre pronto a nuove avventure. I due amici rappresentano due strade diverse che Piero potrebbe intraprendere, due modi di concepire l’esistenza.

La vita di Piero prende una piega inaspettata quando Tommaso si trasferisce all’estero. Questo evento sconvolge profondamente Piero, costringendolo a fare i conti con le sue scelte e con la consapevolezza che il tempo passa e le occasioni non durano per sempre. L’assenza di Tommaso diventa un momento di riflessione e crescita per il giovane protagonista, segnando una tappa fondamentale nel suo percorso di maturazione.

Ovosodo è un film che commuove e diverte, capace di raccontare con leggerezza e profondità temi universali come l’amicizia, l’amore, le aspettative tradite e la disillusione. La regia di Virzì è abile e sensibile, capace di cogliere le sfumature dei personaggi e di restituire un ritratto autentico della gioventù livornese di quegli anni. La sua mano delicata e attenta ci guida attraverso le vite dei protagonisti, offrendoci uno spaccato di realtà intriso di emozioni genuine.

Il film è stato un grande successo di critica e pubblico, ottenendo numerosi premi, tra cui il David di Donatello per la migliore attrice non protagonista a Nicoletta Braschi. Ancora oggi, a distanza di oltre vent’anni, Ovosodo rimane un film fresco e attuale.

 

Previous article

Popular Articles

Vai alla barra degli strumenti