domenica, Giugno 23, 2024

Top 5 This Week

spot_img

Related Posts

Microsoft 365 viola la privacy lo dice il Garante Europeo

Cosa ti aspetti come privacy da un’azienda come Microsoft?

Non capisco perché si continua ad usare software a pagamento, qualcuno potrà dire che dietro c’è una società che cura il prodotto ti garantisce il buon funzionamento e soprattutto esente da bug e rispettosa della privacy.

E’ d’obbligo prima di continuare a leggere l’articolo vedere la clip de L’oro di Napoli
clicca qui.

Il Garante europeo (EDPS) si è accorto, da indagine partita nel maggio 2021, che la Commissione europea manca di compliance in materia di protezione dei dati per quanto attiene Microsoft 365, sollevando delle non conformità. È responsabilità delle istituzioni, degli organi e delle agenzie dell’UE garantire che qualsiasi trattamento di dati personali esterni e all’interno dell’UE, compresi il contesto dei servizi basati su cloud sia accompagnato da solide misure di protezione dei dati. E’ imperativo di garantire che le informazioni delle persone siano protette, come previsto dal regolamento (EU) 2018/1725, e che i dati siano trattati da, o per conto dell’EU in modo conforme.

Il garante EDPS ha quindi deciso di ordinare alla Commissione, in vigore il 9 dicembre 2024, di sospendere tutti i flussi di dati dal suo utilizzo di Microsoft 365 alla Microsoft e alle sue affiliate localizzate in paesi al di fuori dell’UE. L’EDPS ha deciso di ordinare alla Commissione di adeguare le operazioni di trattamento a partire dall’uso della Microsoft 365 in conformità al regolamento (UE) 2018/1725. La Commissione deve dimostrare il rispetto di entrambi gli ordini entro il 9 dicembre 2024, fonte.

Internet ha una territorialità?

Beh qui c’è tutto il campanilismo europeo nel dire che i dati devono risiedere fisicamente in server gestiti in cloud da Microsoft all’interno dell’Unione Europea. Francamente ci vedo lana caprina, i problemi sono altri, leggi cosa ne penso Ciao, io sono Cloud e tu sei un fesso

I veri problemi del cloud

Allora ti devi fare le seguenti domande:

  • I tuoi dati nel cloud, secondo te sono al sicuro, il gestore è in grado di leggere i contenuti?
  • Paghi per il servizio di cloud, ti senti appagato o sei un fesso?
  • Tu privato, ti proteggi nell’inserire i dati nel cloud crittografando i documenti?
  • Tu cittadino, i tuoi dati sensibili raccolti dalla pubblica amministrazione sono al sicuro?
  • Le nostre app che traferiscono dati nel cloud cifrano le informazioni?
  • Sei convito che la crittografia end to end ti possa proteggere?
  • Le banche con le loro app, secondo te sono oggetto di tracciabilità da parte delle big tech?

Immagine di copertina realizzata da Francesco Saverio Balzano con Affinity Design 2, fonti grafiche su licenza cc clicca qui, clicca qui.

Popular Articles

Vai alla barra degli strumenti