giovedì, Giugno 13, 2024

Top 5 This Week

spot_img

Related Posts

Tu sbagli formato del documento

Da WYSIWYG a MD

Ma che cavolo sono queste sigle astruse, serviranno a qualcosa? Un titolo con affermazione da impatto che si rivolge agli utilizzatori di Word Processing. Diciamola tutta, mi sono ispirato su dei discorsi del quotidiano su argomenti informatici nei quali intimamente mi faccio delle belle grosse e grasse risate napoletane.

Tu sbagli formato del del documento che usi!

Un pò di storia

Se qualcono di età avanzata (come lo scrivente) ricorda AmiPro faceva parte del pacchetto venduto assieme al mitico Lotus 123 non dimentichiamoci poi del mitico WordPerfect Office della Corel ed il diffusissimo Office di Microsoft. Non mi sto a dilungare, se vuoi approfondire la storia delle suite di programmi per l’Office Automation clicca qui.

Non voglio nemmeno entrare nella discussione dei programmi liberi che possono egregiamente sostituire i programmi commerciali i quali, nel frattempo, si sono ulteriormente affinati in un piacere perverso del cloud: ci penso io, tu pensa a pagare un canone annuale così i tuoi dati sono nelle mie mani al sicuro! Altra grassa e grossa risata napoletana.

Una piccola analisi

Scrivo un documento il formato Micorsoft docx ho scritto 36 caratteri “Scrivo qualcosa in questo documento.” apro il testo con un notepad qualsiasi e vediamo cosa contiene.

Tu sbagli formato del documento - contenuto docx
Tu sbagli formato del documento – contenuto docx

Numero 11.542 caratteri su 118 righe di schifezze digitali proprietarie per contenere solo 36 caratteri del mio documento. Tutto questo per dire che esistono formati proprietari i quali sono letti dalla maggior parte dei programmi di uso comune ma, non è detto che lo saranno in futuro. Lo scenario possibile e che possiedi una copia della tua tesi di laurea su un disco floppy (obsoleto) scritto con un programma che non è compatibile con i sofware  attuali.

Formato del documento

Il documento di tipo WYSIWYG What You See Is What You Get mostra nel foglio digitale bianco quello che poi sarà stampato o pubblicato. I vari programmi nel tempo hanno adottato delle funzioni digitali di rappresentazione delle informazioni con soluzioni proprietarie, proprio perché non esisteva un formato standardizzato riconosciuto. Grazie all’Open Document Format for Office Application (ODF) si è cercato di superare questo problema.

Ad esempio la NATO difinisce gli standard di interoperabilità adottati per essere coerente e non subire obsolescenza, se vuoi approfondire il documento è dell’agorsto 2023 clicca qui.

Non è detto che una Nazione o Azienda abbia al suo interno un proprio standard proprietario incompatibile con quelli più diffusi o che adotti solo in parte standard diffusi, Riporto alcune riflessioni:

  • I documenti dove sono contenuti i miei dati sensibili sono stati generati con programmi standard o proprietari.
  • I dati saranno sempre accessibili o per obsolescenza si resetta tutto?
  • Le planimetrie dxf del catasto è un formato aperto di cui si garantisce la non obsolescenza?
  • Quali sono gli standard e come sono gestiti i dati sensibili nel cloud?
  • Quali sono le politiche collaborative sul documentale dove risedono i miei dati sensibili?

Markdown [MD]

Ora che hai tirato un respiro di sollievo considerando documenti in formato standard hai necessariamente bisogno di fare un ulteriore passo in avanti.

  • Scrivi una volta sola e generi tutti i tipi di formato che vuoi. Pertanto puoi creare pdf, siti web, libri, epub, tesi di laurea, note, presentazioni, e-mail, documenti tecnici.
  • Cambia stile colore ovvero cambia il tema però i tuoi dati sono sempre quelli, cambia solo il modo di rappresentarli.
  • Il documento Markdown viene letto su qualsiasi applicazione e su qualsiasi sistema operativo. Puoi usare tantissimi programmi esistenti e futuri, verrà sempre letto. Il formato non è proprietario.
  • Paradosso, se improvvisamente tutti i programmi di Markdown smettessero di funzionare per una peste elettronica pandemica il documento è sempre leggibile con qualsiasi notepad e le formattazioni non inficiano una buona e corretta lettura del documento.
  • Il Markdown funziona su qualsiasi dispositivo e sistema operativo.
  • Markdown è valido per i documenti che devono essere conservati e per i quali devono essere letti nel futuro senza problemi ed obsolescenze, come per i libri ad esempio.

Esistono tantissimi programmi Open Source per qualsiasi sistema operativo ma, prima di installare ti consiglio di provare online DILLINGER

Dillinger
Dillinger

 


Immagine di copertina su licenza cc pixabay

Popular Articles

Vai alla barra degli strumenti